Lofoten Startside    
 Hjem | Reise til Lofoten | |Overnatting | Aktiviteter | Temasider
Attraksjoner | |Gallerier | Museer | Kultur | Festivaler | Restauranter | Charter | Info Guide  | Kart |  Kommunikasjon | Webkam  | Fotogallerier  | Linker 
NORD - NORGE | FORUM | HVA SKJER ? | NYHETER
    Spain  France  Italy   Tysk   English   - All you need to know about Lofoten - The world most beatiful islands  

Info om Svolvær

FLAKSTAD OG MOSKENES - LOFOTEN

Digermulen

Tysk nettside med informasjon om Lofoten





Dare il benvenuto a Lofoten

ISOLE LOFOTEN

L'arcipelago delle Lofoten
si trova al di sopra del circolo polare artico, di fronte alle coste della Norvegia settentrionale. Il tratto di mare che separa le isole dalla terraferma si chiama Vestfjorden.

Le isole hanno una superficie complessiva di circa 1250 chilometri quadrati Le Lofoten sono facilmente raggiungibili, sia con l'aereo, sia con il traghetto, da Bodø, Narvik e Skutvik. La strada E 10 collega le isole principali, che sono unite le une alle altre da ponti e tunnel.

Dalla terraferma si possono intravedere le imponenti cime che costituiscono l'ossatura dell'arcipelago. Sono definite la muraglia delle Lofoten . Risalgono a oltre diecimila anni fa e, per i geologi, sono tra le più antiche formazioni rocciose al mondo.










Scialpinismo nelle Isole Lofoten
[Planet Mountain]

L'arcipelago delle Lofoten
[SuperEva.it]

I comuni delle Lofoten
[SuperEva.it]

Leggendo un articolo di Airone sui pescatori di merluzzo delle isole Lofoten, mi innamorai subito di quei luoghi che solo si intravedevano dalle foto del servizio.

Scialpinismo alle isole Lofoten

Visit Norway

Guida Delle Isole 2009





ISOLE LOFOTEN
L'arcipelago delle Lofoten si trova al di sopra del circolo polare artico, di fronte alle coste della Norvegia settentrionale. Il tratto di mare che separa le isole dalla terraferma si chiama Vestfjorden .
Le isole hanno una superficie complessiva di circa 1250 chilometri quadrati
Le Lofoten sono facilmente raggiungibili, sia con l'aereo, sia con il traghetto, da Bodø, Narvik e Skutvik. La strada E 10 collega le isole principali, che sono unite le une alle altre da ponti e tunnel. Dalla terraferma si possono intravedere le imponenti cime che costituiscono l'ossatura dell'arcipelago. Sono definite la muraglia delle Lofoten . Risalgono a oltre diecimila anni fa e, per i geologi, sono tra le più antiche formazioni rocciose al mondo.

Le Lofoten sono una delle mete turistiche più caratteristiche della Norvegia. Le montagne sono altissime e scoscese ma creano insenature, spiagge, baie e pascoli. La luce artica dona al paesaggio dei colori particolari. La corrente del golfo addolcisce il clima e fa si che la flora sia molto varia e insolita per queste latitudini. I venti fortissimi che soffiano durante l'inverno, rendono il loro mare uno dei più burrascosi. Ma lo rendono anche uno dei più pescosi. La pesca (merluzzi soprattutto), infatti, è da sempre la vita degli abitanti delle isole. Infine, anche se molto visitate, le Lofoten hanno mantenuto la loro genuinità e il loro carattere.

L'isola principale è Austvågøy . È l'isola più settentrionale, quella più abitata e più facilmente raggiungibile. Su Austvågøy si trova Svolvaer , il principale centro abitato dell'arcipelago. La cittadina, affacciata sul mare, è circondata da appuntite montagne, come il Svolvasergeita , la capra di Svolvaer, su cui è possibile compiere camminate e arrampicate. Altre belle località sull'isola sono Kabelvåg , che una delle chiese in legno più grandi della Norvegia, e Henningsvaer , un bel villaggio di pescatori chiamato la Venezia delle Lofoten. Sul versante atlantico dell'isola si può raggiungere la località di Laukvik , da dove ammirare l'oceano e, magari tra fine maggio e metà luglio, assistere allo spettacolo del sole a mezzanotte.

Vestvågøy è unita a Austvågøy da un ponte che attraversa lo Sundklakkstraumen. La prima località che si incontra è Stramsund . Ma merita maggiore attenzione Borg , che non si trova lungo la costa. Qui c'è infatti il Museo Vichingo, dove è conservata una casa vichinga fra le più importanti di tutto il nord Europa. La costa atlantica offre panorami molto drammatici. Su un promontorio esposto ai venti, si trova Eggum , situata su una stretta fascia di terra compresa fra l'Atlantico e la montagna scoscesa. Altrettanto spettacolare è Unstad , poco più a sud.

La terza isola delle Lofoten è Flakstadøy , unita alla precedente da un tunnel scavato sotto il Nappstraumen. La sua caratteristica principale sono le belle, e insolite, spiagge di sabbia bianca della costa occidentale. La più famosa è Ramberg , all'imbocco di un profondo fiordo. Da visitare anche Storbåthallaren , uno dei più antichi insediamenti umani della Norvegia, abitato seimila anni fa.

L'ultima isola su cui corre la strada E 10 è Moskenesøy , collegata a Flakstadøy da un ponte. È forse l'isola più spettacolare dell'arcipelago, con le sue cime di roccia lavica, affacciate su un mare azzurrissimo, che sono il cuore della muraglia delle Lofoten. Il villaggio di Reine è particolarmente bello, per la sua posizione, proprio sotto la cima del Reinerbringen. Altrettanto bello è il villaggio di Hamnøy . Il paese più a sud dell'isola è Å, come l'ultima lettera dell'alfabeto norvegese. La cittadina ha conservato intatto il suo aspetto di piccolo villaggio di pescatori. L' Helvetrstind è una roccia di circa 600 metri di altezza che si innalza direttamente dalla spiaggia. Si trova nella località Vinstad. Sempre da qui si può tentare la scalata all' Hermanndalstind , di oltre 1000 metri.

Le ultime due isole dell'arcipelago, Værøy e Røst , si trovano piuttosto lontane da Moskenesøy e non ci sono ponti o tunnel a collegarle alle altre. Anzi, il tratto di mare che separa Moskenesøy da Værøy è particolarmente agitato. Qui si forma il Moskenestraumen, un maelstromm, un gorgo di acque dovuto all'incrocio di diverse correnti. Non è potente come il più famoso Saltstraumen, vicino a Bodø, ma da sempre è il terrore dei marinai.

Værøy e Røst sono famose tra gli amanti del birdwatching per la quantità e la varietà degli uccelli che nidificano lungo le loro coste. Le più diffuse sono le pulcinelle di mare, ma vi sono anche aquile di mare, cormorani, diverse specie di gabbiani e molte altre specie.
Le due isole però sono molto diverse tra loro. Værøy è montuosa, mentre Røst , che in realtà è costituita da una miriade di scogli e isolette, è la più piatta delle Lofoten.

L'arcipelago delle Lofoten si trova al di sopra del circolo polare artico, di fronte alle coste della Norvegia settentrionale. Il tratto di mare che separa le isole dalla terraferma si chiama Vestfjorden .
Le isole hanno una superficie complessiva di circa 1250 chilometri quadrati
Le Lofoten sono facilmente raggiungibili, sia con l'aereo, sia con il traghetto, da Bodø, Narvik e Skutvik. La strada E 10 collega le isole principali, che sono unite le une alle altre da ponti e tunnel. Dalla terraferma si possono intravedere le imponenti cime che costituiscono l'ossatura dell'arcipelago. Sono definite la muraglia delle Lofoten . Risalgono a oltre diecimila anni fa e, per i geologi, sono tra le più antiche formazioni rocciose al mondo.

Le Lofoten sono una delle mete turistiche più caratteristiche della Norvegia. Le montagne sono altissime e scoscese ma creano insenature, spiagge, baie e pascoli. La luce artica dona al paesaggio dei colori particolari. La corrente del golfo addolcisce il clima e fa si che la flora sia molto varia e insolita per queste latitudini. I venti fortissimi che soffiano durante l'inverno, rendono il loro mare uno dei più burrascosi. Ma lo rendono anche uno dei più pescosi. La pesca (merluzzi soprattutto), infatti, è da sempre la vita degli abitanti delle isole. Infine, anche se molto visitate, le Lofoten hanno mantenuto la loro genuinità e il loro carattere.

L'isola principale è Austvågøy . È l'isola più settentrionale, quella più abitata e più facilmente raggiungibile. Su Austvågøy si trova Svolvaer , il principale centro abitato dell'arcipelago. La cittadina, affacciata sul mare, è circondata da appuntite montagne, come il Svolvasergeita , la capra di Svolvaer, su cui è possibile compiere camminate e arrampicate. Altre belle località sull'isola sono Kabelvåg , che una delle chiese in legno più grandi della Norvegia, e Henningsvaer , un bel villaggio di pescatori chiamato la Venezia delle Lofoten. Sul versante atlantico dell'isola si può raggiungere la località di Laukvik , da dove ammirare l'oceano e, magari tra fine maggio e metà luglio, assistere allo spettacolo del sole a mezzanotte.

Vestvågøy è unita a Austvågøy da un ponte che attraversa lo Sundklakkstraumen. La prima località che si incontra è Stramsund . Ma merita maggiore attenzione Borg , che non si trova lungo la costa. Qui c'è infatti il Museo Vichingo, dove è conservata una casa vichinga fra le più importanti di tutto il nord Europa. La costa atlantica offre panorami molto drammatici. Su un promontorio esposto ai venti, si trova Eggum , situata su una stretta fascia di terra compresa fra l'Atlantico e la montagna scoscesa. Altrettanto spettacolare è Unstad , poco più a sud.

La terza isola delle Lofoten è Flakstadøy , unita alla precedente da un tunnel scavato sotto il Nappstraumen. La sua caratteristica principale sono le belle, e insolite, spiagge di sabbia bianca della costa occidentale. La più famosa è Ramberg , all'imbocco di un profondo fiordo. Da visitare anche Storbåthallaren , uno dei più antichi insediamenti umani della Norvegia, abitato seimila anni fa.

L'ultima isola su cui corre la strada E 10 è Moskenesøy , collegata a Flakstadøy da un ponte. È forse l'isola più spettacolare dell'arcipelago, con le sue cime di roccia lavica, affacciate su un mare azzurrissimo, che sono il cuore della muraglia delle Lofoten. Il villaggio di Reine è particolarmente bello, per la sua posizione, proprio sotto la cima del Reinerbringen. Altrettanto bello è il villaggio di Hamnøy . Il paese più a sud dell'isola è Å, come l'ultima lettera dell'alfabeto norvegese. La cittadina ha conservato intatto il suo aspetto di piccolo villaggio di pescatori. L' Helvetrstind è una roccia di circa 600 metri di altezza che si innalza direttamente dalla spiaggia. Si trova nella località Vinstad. Sempre da qui si può tentare la scalata all' Hermanndalstind , di oltre 1000 metri.

Le ultime due isole dell'arcipelago, Værøy e Røst , si trovano piuttosto lontane da Moskenesøy e non ci sono ponti o tunnel a collegarle alle altre. Anzi, il tratto di mare che separa Moskenesøy da Værøy è particolarmente agitato. Qui si forma il Moskenestraumen, un maelstromm, un gorgo di acque dovuto all'incrocio di diverse correnti. Non è potente come il più famoso Saltstraumen, vicino a Bodø, ma da sempre è il terrore dei marinai.

Værøy e Røst sono famose tra gli amanti del birdwatching per la quantità e la varietà degli uccelli che nidificano lungo le loro coste. Le più diffuse sono le pulcinelle di mare, ma vi sono anche aquile di mare, cormorani, diverse specie di gabbiani e molte altre specie.
Le due isole però sono molto diverse tra loro. Værøy è montuosa, mentre Røst , che in realtà è costituita da una miriade di scogli e isolette, è la più piatta delle Lofoten.

L'arcipelago delle Lofoten si trova al di sopra del circolo polare artico, di fronte alle coste della Norvegia settentrionale. Il tratto di mare che separa le isole dalla terraferma si chiama Vestfjorden .
Le isole hanno una superficie complessiva di circa 1250 chilometri quadrati
Le Lofoten sono facilmente raggiungibili, sia con l'aereo, sia con il traghetto, da Bodø, Narvik e Skutvik. La strada E 10 collega le isole principali, che sono unite le une alle altre da ponti e tunnel. Dalla terraferma si possono intravedere le imponenti cime che costituiscono l'ossatura dell'arcipelago. Sono definite la muraglia delle Lofoten . Risalgono a oltre diecimila anni fa e, per i geologi, sono tra le più antiche formazioni rocciose al mondo.

Le Lofoten sono una delle mete turistiche più caratteristiche della Norvegia. Le montagne sono altissime e scoscese ma creano insenature, spiagge, baie e pascoli. La luce artica dona al paesaggio dei colori particolari. La corrente del golfo addolcisce il clima e fa si che la flora sia molto varia e insolita per queste latitudini. I venti fortissimi che soffiano durante l'inverno, rendono il loro mare uno dei più burrascosi. Ma lo rendono anche uno dei più pescosi. La pesca (merluzzi soprattutto), infatti, è da sempre la vita degli abitanti delle isole. Infine, anche se molto visitate, le Lofoten hanno mantenuto la loro genuinità e il loro carattere.

L'isola principale è Austvågøy . È l'isola più settentrionale, quella più abitata e più facilmente raggiungibile. Su Austvågøy si trova Svolvaer , il principale centro abitato dell'arcipelago. La cittadina, affacciata sul mare, è circondata da appuntite montagne, come il Svolvasergeita , la capra di Svolvaer, su cui è possibile compiere camminate e arrampicate. Altre belle località sull'isola sono Kabelvåg , che una delle chiese in legno più grandi della Norvegia, e Henningsvaer , un bel villaggio di pescatori chiamato la Venezia delle Lofoten. Sul versante atlantico dell'isola si può raggiungere la località di Laukvik , da dove ammirare l'oceano e, magari tra fine maggio e metà luglio, assistere allo spettacolo del sole a mezzanotte.

Vestvågøy è unita a Austvågøy da un ponte che attraversa lo Sundklakkstraumen. La prima località che si incontra è Stramsund . Ma merita maggiore attenzione Borg , che non si trova lungo la costa. Qui c'è infatti il Museo Vichingo, dove è conservata una casa vichinga fra le più importanti di tutto il nord Europa. La costa atlantica offre panorami molto drammatici. Su un promontorio esposto ai venti, si trova Eggum , situata su una stretta fascia di terra compresa fra l'Atlantico e la montagna scoscesa. Altrettanto spettacolare è Unstad , poco più a sud.

La terza isola delle Lofoten è Flakstadøy , unita alla precedente da un tunnel scavato sotto il Nappstraumen. La sua caratteristica principale sono le belle, e insolite, spiagge di sabbia bianca della costa occidentale. La più famosa è Ramberg , all'imbocco di un profondo fiordo. Da visitare anche Storbåthallaren , uno dei più antichi insediamenti umani della Norvegia, abitato seimila anni fa.

L'ultima isola su cui corre la strada E 10 è Moskenesøy , collegata a Flakstadøy da un ponte. È forse l'isola più spettacolare dell'arcipelago, con le sue cime di roccia lavica, affacciate su un mare azzurrissimo, che sono il cuore della muraglia delle Lofoten. Il villaggio di Reine è particolarmente bello, per la sua posizione, proprio sotto la cima del Reinerbringen. Altrettanto bello è il villaggio di Hamnøy . Il paese più a sud dell'isola è Å, come l'ultima lettera dell'alfabeto norvegese. La cittadina ha conservato intatto il suo aspetto di piccolo villaggio di pescatori. L' Helvetrstind è una roccia di circa 600 metri di altezza che si innalza direttamente dalla spiaggia. Si trova nella località Vinstad. Sempre da qui si può tentare la scalata all' Hermanndalstind , di oltre 1000 metri.

Le ultime due isole dell'arcipelago, Værøy e Røst , si trovano piuttosto lontane da Moskenesøy e non ci sono ponti o tunnel a collegarle alle altre. Anzi, il tratto di mare che separa Moskenesøy da Værøy è particolarmente agitato. Qui si forma il Moskenestraumen, un maelstromm, un gorgo di acque dovuto all'incrocio di diverse correnti. Non è potente come il più famoso Saltstraumen, vicino a Bodø, ma da sempre è il terrore dei marinai.

Værøy e Røst sono famose tra gli amanti del birdwatching per la quantità e la varietà degli uccelli che nidificano lungo le loro coste. Le più diffuse sono le pulcinelle di mare, ma vi sono anche aquile di mare, cormorani, diverse specie di gabbiani e molte altre specie.
Le due isole però sono molto diverse tra loro. Værøy è montuosa, mentre Røst , che in realtà è costituita da una miriade di scogli e isolette, è la più piatta delle Lofoten.
INFO NORVEGIA


visit norway


Toppen
Please download Java(tm).
Welcome to Lofoten
Worlds most beatiful islands

Welcome to
North Norway

the magic North of Scandinavia



- Summer sail in Norway

- Northern Delights. Norway's
  beautiful Lofoten Islands are
  rich in fishing history


- Golf in the Land of the   Midnight Tee Time

-
In Norway, Cod, Caves and   White Nights


-
Northern Delights

- More articles




- Northern Lights
- The Aurora Borealis

- Mythic Lofoten - film
-
Refsvika cave
- The vikingcenter
- Fishing museums
- World war II museum
-
Art Gallerys









Se åpningstider



Svinøya Rorbuer
 
 
    Lofoten Startside©2008